venerdì 25 settembre 2020


La mia Boston Virtual Marathon Experience


La Boston Virtual Marathon di domenica 13 settembre è stata una delle imprese più singolari che abbia mai compiuto.

In generale penso che le gare virtuali – che negli ultimi mesi hanno inevitabilmente sostituito gli eventi podistici su strada – siano manifestazioni difficili non solo da inquadrare, ma anche da interpretare correttamente, tanto più se si tratta di una Virtual Marathon.

Perché, virtuale o no, correre una maratona richiede comunque impegno, perseveranza e sacrifici, oltre ad un grande investimento di tempo e di energie, e non è facile trovare le giuste motivazioni per dedicarcisi nella maniera adeguata.

venerdì 11 settembre 2020


Pronto per la Maratona di Boston virtuale


Domenica prossima 13 settembre correrò la Boston Virtual Marathon.



Di cosa si tratta?

La 124ma Boston Marathon, originariamente in programma il 20 aprile, alla quale ero regolarmente iscritto, è prima stata spostata al 14 settembre e poi definitivamente cancellata per la prima volta nella sua storia ultracentenaria.

In verità non è stata proprio cancellata, è stata “virtualizzata”, com'è ormai sorte comune per molte gare podistiche ai tempi del coronavirus: ognuno corre i 42 Km e 195 metri a casa sua o dove gli pare in un giorno a piacere tra il 6 e il 14 settembre, registra la propria performance utilizzando ad esempio un orologio GPS Garmin e poi invia la traccia percorsa tramite l'app appositamente rilasciata dalla Boston Athletic Association.