mercoledì 10 gennaio 2018

Pubalgia

Ogni volta che mi scappa detto che da un po' di tempo non mi infortuno, puntuale arriva un nuovo stop.

E così è successo che quel fastidio, che lamento ormai da un mese nella zona basso addominale, è degenerato in un dolore costante che purtroppo mi costringe a fermarmi.

Non avrei dovuto trascurarlo così a lungo. Ma non volevo perdere l'allenamento; avevo un programma da rispettare. E ora mi ritrovo con una diagnosi di pubalgia in stadio avanzato, diffusa in tutta la zona pubica, dagli addominali agli adduttori.


Così dopo aver cominciato da appena una settimana la preparazione per la mia prima maratona, sono già costretto a fermarmi e quasi sicuramente dovrò rinunciare alla Treviso Marathon del 25 Marzo.

Ma, ovviamente, non desisto.

Il processo di guarigione necessiterà di almeno 15-20 giorni di assoluto riposo.

Se basteranno, sposterò in avanti di un mese l'obiettivo “prima maratona” e ricomincerò la preparazione a inizio febbraio, riadattandola allo stato di forma in cui mi troverò dopo lo stop prolungato.

In questo caso la scelta della gara cadrà necessariamente su Padova o Rimini, ambedue a fine Aprile.

Se invece a fine mese sentissi ancora male, allora se ne riparlerà in autunno.

Nel frattempo proverò a non deprimermi troppo, come mi succede di solito in questi casi, e cercherò altri modi per tenere a bada il Parkinson e combattere lo stress.

Suggerimenti?

1 commento:

Micaela blogparolemicaela consigli per la lettura ha detto...

Mi dispiace ma sono certa che il tuo obiettivo è solo posticipato �� un grande in bocca al lupo ��