sabato 8 settembre 2018

Run Tune Up!

Con sommo piacere, anche quest'anno riuscirò a rispettare l'appuntamento di fine estate con la Run Tune Up, la mezza maratona della mia città.

Nonostante i molteplici infortuni che mi hanno costretto a continui stop e a lunghi periodi di riposo forzato, domattina mi schiererò – carico! – sulla linea di partenza, pronto come sempre a dare il massimo per tutti i 21 Km di gara.

Dopo l'ennesima interruzione di metà agosto ho ripreso gli allenamenti e nelle ultime tre settimane sono riuscito a correre con continuità. Gradualmente ho aumentato il chilometraggio e domenica scorsa mi sono concesso anche il lusso di un lungo da 23 Km che il mio fisico sembra aver retto senza eccessivi patimenti. Addirittura sono tornato un paio di volte ad assaggiare la pista di atletica per qualche lavoro di qualità.

La situazione dei miei due tendini d'Achille è la seguente:
  • sinistro: infiammazione rientrata completamente, nessun dolore nemmeno se stimolato con grossi carichi di lavoro;
  • destro: discorso più complicato; sembra non guarire mai veramente del tutto, ma non peggiora nemmeno. Il dolore va e viene a periodi, ultimamente si fa sentire un po' di più, ma senza impedirmi di correre e di portare a termine gli allenamenti, anche perché a caldo mi dà meno fastidio.

Il mio livello di forma fisica è parecchio indietro rispetto all'anno scorso, ma ormai non ci faccio più caso; fortunatamente ho imparato bene che è inutile – se non dannoso – fare paragoni con quello che ero in passato.

Invece sono semplicemente, davvero, tanto contento di poterci essere, per un anno ancora.

Del resto ho imparato anche a non dar nulla per scontato, e ad assaporare pienamente ogni soddisfazione che il mio corpo è ancora in grado di darmi. Solo qualche settimana fa sembrava realisticamente improbabile che riuscissi a partecipare, e invece eccomi qua.

Domattina, immerso nella folla di runner scalpitanti in attesa del via, ancora una volta mi sentirò grato di poter anch'io gareggiare alla pari con loro, di poter con diritto prendere parte a questa corsa insieme ad altri atleti, con la piena consapevolezza del privilegio che mi viene concesso.

Visti i lunghi mesi di logorio e tutta la mole di lavoro sostenuto per recuperare e poter essere qui, quest'anno voglio, ancora di più, godermi mentalmente ogni singolo momento.

Naturalmente cercherò di spingere e non risparmierò nessuna goccia di sudore, per cui so che mi aspetta una mattinata molto dura, fisicamente e psicologicamente.

Ma questo è il mio modo per guadagnarmi fiducia nei miei mezzi e autostima, e di sentirmi soddisfatto di me stesso e di quello che riesco a fare con le mie forze.

E una volta tagliato il traguardo, la sensazione di appagamento e di benessere psicofisico sarà inestimabile.


L'arrivo dello scorso anno


Run Tune Up 2017|Ritorno alle gare (con infortunio)|Un nuovo stop

Nessun commento: